Decreto Milleproroghe. Le richieste di CNA per le imprese artigiane

Andrea Capobasso Cna Nazionale

La CNA, in accordo con le altre organizzazioni datoriali, in audizione davanti alle Commissioni Affari costituzionali e Bilancio del Senato sul decreto Milleproroghe ha avanzato le seguenti richieste in favore delle imprese artigiane:

  • far slittare di un anno l’entrata in vigore delle nuove regole SOA per i lavori che beneficiano di ecobonus e la scadenza delle concessioni demaniali;
  • prorogare per tutto il 2023 il credito d’imposta formazione 4.0, la disciplina del lavoro agile emergenziale, e la sottoscrizione degli accordi aziendali o territoriali per accedere alle risorse del Fondo Nuove competenze;
  • prorogare di un anno l’applicazione delle sanzioni relative alla violazione dell’obbligo di comunicazione per le imprese che ricevono sovvenzioni, sussidi o aiuti erogati dalle pubbliche amministrazioni;
  • proroga il termine per l’acquisizione dei requisiti professionali dei meccatronici per sanare i ritardi nella organizzazione dei corsi regionali di qualificazione
  • far slittare di un anno la decorrenza dei termini in materia di revisione periodica sui veicoli pesanti.

Condividi